Aleksandër Sarapuli e Martin Mata, Co-CEO DI AADF

La Fondazione per lo sviluppo albanese-americana promuove un’economia sostenibile del settore privato e una società democratica in Albania che contribuisca alla stabilità nell’Europa sudorientale. Le attività e gli investimenti di AADF sono focalizzati sull’educazione allo sviluppo sostenibile, l’imprenditoria, lo sviluppo della leadership e il sostegno al turismo culturale e all’ecoturismo. Ad oggi, l’impatto diretto stimato sull’economia è pari a 320 milioni di dollari. Il giornalista, Omer Saraçi, ha intervistato per Albania Economia i due Co-CEO dell’Albanian-American Development Foundation, Aleksandër Sarapuli e Martin Mata.

 

Da quanto AADF è presente in Albania e quali sono gli obiettivi che si è prefissata fin dal suo inizio?
Martin Mata – L’Albanian-American Development Foundation (AADF) è stata creata 12 anni fa in Albania dall’Albanian-American Enterprise Fund, un’iniziativa del governo americano, istituita nel 1995 nell’ambito di un programma approvato dal Congresso degli Stati Uniti in cui in tutti i paesi ex comunisti d’Europa, stanziavano fondi di investimento che sarebbero stati gestiti in modo indipendente.
Come organizzazione, l’AADF è stata fondata in Albania 12 anni fa ed è l’erede dell’Albanian American Fund of Enterprises. L’Albanese American Enterprise Fund è un’iniziativa del governo degli Stati Uniti, istituita nel 1995 nell’ambito di un programma approvato dal Congresso degli Stati Uniti in cui in tutti i paesi ex comunisti d’Europa stanziavano fondi di investimento che sarebbero gestiti in modo indipendente. L’intera attività del fondo, per 27 anni – il fondo continua ancora oggi, ma è chiuso perché rimangono due investimenti in portafoglio – ha gestito una notevole quantità di denaro. Poi con una decisione presa congiuntamente dal governo degli Stati Uniti e il consiglio di amministrazione, si è stabilito nel trasformarla in organizzazione filantropica chiamata Albanian American Development Foundation.
Gli investimenti di AADF sono focalizzati principalmente in quattro aree: imprenditorialità, leadership, turismo e patrimonio culturale e istruzione. Qual è lo scopo dell’AADF? 
L’obiettivo è portare un impatto misurabile e migliorare non solo nella qualità dei programmi, ma anche nella vita degli albanesi in generale.
AADF, non concede sovvenzioni, ma è una tipica organizzazione di sviluppo e, la maggior parte di questi, sono sviluppati internamente dal nostro staff, ma anche in collaborazione con altri attori come il governo centrale, locale e di altri paesi. L’impatto socio-economico dell’AADF per il 2018 è stato stimato in 240 milioni di dollari.
Qual è l’impatto totale avuto sinora dalla nascita di AADF in Albania?

Martin Mata – Ci sono due modi per rispondere a questa domanda. Sicuramente l’investimento è di 320 milioni di dollari, ma quando si misura un investimento in filantropia una delle cose che abbiamo imparato è la metodologia utilizzata e l’impatto di un particolare progetto sul mercato. Se investi nel nuovo mercato di Tirana, l’impatto è più facilmente misurabile, ad esempio: guardi il numero di visitatori, guardi il numero di nuove imprese, guardi il numero di nuovi posti di lavoro che vengono creati, guardi l’aumento del valore delle abitazioni. Quindi c’è un impatto crescente. Se investi in un programma come TUMO dove insegni a ragazzi dai 12 ai 18 anni la conoscenza della robotica, della programmazione, del coding, oggi è difficile misurarla, ma con il passare degli anni matureranno in loro talenti e aumenteranno le metodologie. I paesi occidentali lo fanno, lo misurano per ogni dollaro investito. Nel caso di Tumo si traduce nello sviluppo delle competenze e nella conoscenza. Questi bambini, tra 10 anni avranno un’attività, avranno il loro impatto sul mercato, nell’economia, nella società e allora potremo parlare esattamente del pieno impatto della Fondazione in Albania. Ma ad oggi, l’impatto diretto stimato sull’economia è di 320 milioni di dollari.

“Ad oggi, l’impatto diretto stimato sull’economia è di 320 milioni di dollari”

Quali sono alcuni dei progetti più importanti che la Fondazione ha sostenuto e per i quali siete orgogliosi dei risultati socio-economici che hanno generato?
Aleksandër Sarapuli – Siamo orgogliosi di tutti i progetti fin qui realizzati. C’è una logica per cui il progetto non si misura da quanti soldi hai speso, ma teoricamente e praticamente dovrebbe essere misurato da quanto impatto crea. Importanti sono quei progetti che hanno avuto l’opportunità di espandersi e svilupparsi da progetto locale a progetto nazionale. Il nostro obiettivo è creare il maggior impatto possibile in quante più città albanesi. Questo è il nostro obiettivo. Un progetto che passa da una fase di sviluppo locale a una fase di sviluppo nazionale, significa che estende la sua attività a uno spazio più ampio. Il nostro obiettivo non è creare più opportunità per chi vive a Tirana, o per i nostri figli che probabilmente hanno un’opportunità in più rispetto ad altri, ma il nostro obiettivo è offrire lo stesso accesso e la stessa qualità per tutti gli albanesi ovunque si trovino e questo è una delle nostre grandi sfide. Quindi, se vogliamo dare una definizione al progetto di cui siamo più orgogliosi, è il progetto che ha la portata maggiore, che ha avuto il maggiore impatto, che ha avuto l’opportunità di cambiare il destino e la vita di quante più persone possibile. Martin Mata – Posso menzionarti qualche progetto. All’inizio la Fondazione era nota per quelli che in Albania sono conosciuti principalmente come BID e TID (Business Improvement Districts o Touristic Improvement Districts). I principali centri urbani e centri storici in Albania, Strada Pedonale di Scutari, Bazar Kruja, Centro di Berat, qafa del Bazar a Gjirokastra, Zona Storica di Valona, ​​Nuovo Bazar di Tirana, attualmente stiamo realizzando la Strada del Commercio a Durazzo.
Nella continuità c’è l’essenza dell’impatto che abbiamo creato, infatti, in questo momento è stata approvata una legge in base alla quale esiste un quadro giuridico secondo cui qualsiasi comunità imprenditoriale che vuole fare qualcosa di simile, può farlo e può ripeterlo ovunque. Aleksandër Sarapuli – E questo vale non solo per la comunità, ma anche per il governo locale che collabora con esse per realizzare lo sviluppo di modelli di questa natura. Martin Mata – In effetti questa è la cosa più importante di questi 8 o 9 interventi che abbiamo fatto. Altri programmi conosciuti in Albania sono i nostri interventi nel patrimonio culturale: la gestione di Butrinto, il museo Marubi, gli interventi in importanti siti culturali, nell’istruzione Junior Achievement, che è un programma di 100 anni, in 120 paesi, un programma americano. Fornisce ai bambini delle scuola conoscenze sull’imprenditorialità, sulle finanze personali. C’è uno sviluppo interessante che per noi è stata una delle notizie più insolite e stimolanti. Junior Achievement Worldwide è stato nominato quest’anno per il Premio Nobel come programma educativo. Aleksandër Sarapuli – Perché ci piace Junior Achievement? Perché questo programma è esteso a tutta l’istruzione pre-universitaria, in ogni scuola dalla città al piccolo paese, quindi ha un impatto e una penetrazione in tutto il territorio albanese. Questo rende Junior Achievement uno di quei progetti che amiamo. Un progetto simile a TUMO è la Coding Academy. Stiamo lavorando insieme alle istituzioni statali per espandere queste attività in tutta l’Albania, per creare centri per la formazione e creare capacità sufficienti per lo sviluppo delle imprese legate alla tecnologia non solo a Tirana ma anche in altre città come buone opportunità di lavoro, qualificazione e innovazione per tutte le città dell’Albania.
La pandemia di Covid-19 ha rallentato il vostro lavoro? Ha apportato cambiamenti al vostro modo di lavorare?
Aleksandër Sarapuli – La situazione pandemica nei primi giorni ha creato difficoltà non solo in Albania ma in tutto il mondo. Un situazione difficile a livello globale e difficile anche per noi, chiaramente. Ciò che ci ha aiutato è stata la tecnologia. In precedenza avevamo fatto investimenti tecnologici all’interno della nostra organizzazione, e questo ci ha permesso di portare avanti le attività anche in remoto durante il periodo del lockdown totale. Ogni attività, anche quella amministrativa è stata resa possibile realizzarla da remoto. L’introduzione della tecnologia ci ha facilitato ed aiutato molto a superare le difficoltà create dalla pandemia. Non tutto è andato bene, abbiamo avuto carenze perché i nostri partner non sono solo in Albania ma anche fuori dall’Albania e questo ha creato una grande difficoltà nello spostamento. Le cose che potevamo fare online le abbiamo realizzate in tempo. Abbiamo fatto tanti corsi di formazione online. Ad esempio il caso della Scuola Direttori che non si è fermata un solo giorno dopo essere andata online, quindi eravamo preparati. Siamo riusciti a offrire corsi di formazione per tutti gli insegnanti risolvendo le lacune del sistema educativo che ha avuto difficoltà oggettive nel passare da lezioni in presenza a quelle da remoto. Quindi con una formazione massiccia, nei primi 3-4 mesi della pandemia, abbiamo formato oltre 1000 insegnanti alla didattica online. Martin Mata – Ovviamente la pandemia ha colpito anche il turismo e la cultura. Ad esempio, il numero di visitatori dei centri in cui abbiamo installato l’e-ticket è diminuito drasticamente, è arrivato quasi a zero a Butrinto, al castello di Berat, Kruja. Anche il numero di visitatori e di attività nelle aree BID e TID è diminuito. Molte attività sono rimaste chiuse perché l’economia era ferma. E’ successo quello che ha detto Aleksander: ci siamo adattati e la tecnologia ha avuto un grande impatto. A causa delle regole sulla pandemia, in questi siti archeologici non c’erano più presenze di visitatori, quindi ci siamo chiesti: cosa facciamo? Ci siamo detti che sarebbe stato utile aiutare le imprese a sopravvivere ed aiutarle a prendere le sovvenzioni governative. Abbiamo aiutato molte aziende in quel periodo, perché una delle condizioni stabilite dal governo in quel momento era che le imprese potessero beneficiare del sostegno dei fondi governativi rispettando precisi criteri e regole. Come Fondazione quindi, abbiamo fornito assistenza legale alle aziende per preparare la documentazione richiesta. Circa l’80% delle imprese che abbiamo aiutato a presentare la domanda è riuscito ad ottenere il bonus dal governo, perché la loro preparazione scritta è stata migliore di altri candidati. Aleksandër Sarapuli – Contestualmente siamo stati sempre più attivi nei social network che ci ha aiutato ad avere un grande impatto con gli utenti ed inoltre siamo riusciti a creare una comunicazione diretta con i nostri partner.
Indubbiamente una lunga storia accompagnata da tanto lavoro. Facendo riferimento ai progetti AADF e all’esperienza accumulata, qual è la vostra visione del futuro dell’Albania e dell’economia albanese? Aleksandër Sarapuli – Se guarda l’impatto che abbiamo creato attraverso i numeri è davvero molto impressionante. Ciò di cui siamo più orgogliosi non sono le cifre ma i modelli che abbiamo portato in Albania, poiché crediamo fermamente che lo sviluppo sostenibile del settore privato, dell’economia e della democrazia in Albania sia legato a standard e procedure ben delineate e strutturate. E noi siamo stati tra i primi ad implementarli. Quello di cui possiamo essere davvero orgogliosi, al di là di molte altre cose, è che il Fondo è sempre stato una business school per l’intera comunità imprenditoriale. Infatti, siamo stati i primi a mettere sul mercato strumenti finanziari all’avanguardia per il mercato in assenza di legislazione albanese e in assenza di istituzioni finanziarie. Questi standard erano un po’ strani per l’epoca, ma in collaborazione con altri attori siamo riusciti a impostarli nei business su cui ci affidiamo. È stata una grande scuola partendo dagli studi legali in Albania che non avevano ancora pratiche di questa natura, da altre istituzioni finanziarie con tanti altri strumenti finanziari non prendiamo e diamo solo prestiti. Siamo stati tra i primi a introdurre sul mercato il leasing finanziario e tanti altri strumenti, che ancora oggi non sono dove dovrebbero essere. Siamo stati tra i primi a finanziare il settore finanziario privato, dall’apertura dell’American Bank in Albania, oggi Intesa Sanpaolo, dallo sviluppo della più grande compagnia assicurativa in Albania, la Sigal. Inoltre abbiamo sostenuto le istituzioni statali a creare una legislazione avanzata nel campo del sistema finanziario. I contributi sono seguiti anche nel campo del trasporto civile e aereo, dove abbiamo fatto parte di molti gruppi di lavoro che operano su codici e protocolli di questi settori per allinearli agli standard globali e per avere meno ostacoli in futuro.
L’introduzione di questi modelli nel mercato albanese è uno dei più grandi valori che noi stessi ci riconosciamo. Siamo focalizzati sulla qualità e non sui numeri. 30 anni di esperienza in Albania ci hanno insegnato molto. Abbiamo visto miliardi di euro investiti, iniziative che inizialmente sono andate bene, ma nel momento in cui il donatore ha terminato il progetto e se ne è andato, hanno chiuso e fallito, hanno fallito. I nostri obiettivi sono: qualità, standard e sostenibilità. Questa parola sostenibilità è diventata un po’ un cliché, ma noi siamo uno di quelli che cerca di prenderla più sul serio perché è essenziale perché tutto abbia successo. In ogni progetto che facciamo c’è un modello finanziario dietro che garantisce la nostra sostenibilità non solo durante il tempo in cui siamo partecipanti attivi al progetto, ma anche quando quei progetti andranno per la loro strada in futuro, quindi avere un modello finanziario, continuare a mantenere lo stesso standard e perché no anche aumentarlo. Questo è fondamentalmente il nostro approccio a qualsiasi progetto.
L’Albania potrà in futuro diventare un polo tecnologico, sulla base dei progetti che avete sviluppato? Aleksandër Sarapuli – Che ci piaccia o no, il futuro del globo è legato alla tecnologia. È difficile dire che eccelleremo nella tecnologia, ma più lavoreremo su questo obiettivo, più investiremo in capacità e tecnologia, più diventeremo competitivi, questo è certo. Saremo il primo, il secondo o il ventesimo questo dipende dal lavoro che faremo, dagli investimenti che faremo in questa direzione, ma siamo tutti d’accordo oggi che la tecnologia è il futuro e per questo i nostri progetti nel futuro puntano sempre alla tecnologia, all’innovazione. Stiamo lavorando in questi giorni, dove abbiamo appena firmato un contratto con Intel Corporation con la quale insieme inizieremo a introdurre i primi concetti e competenze sull’intelligenza artificiale in Albania e inizieremo con il sistema educativo parauniversitario. Stiamo lavorando intensamente per avviare il progetto pilota per il nuovo anno accademico in cui introdurremo l’intelligenza artificiale in alcune scuole. Potrebbero essere 5, 6 o più. Stiamo selezionando le scuole a Tirana, conosciute come ottime scuole e dotate di infrastrutture, ma anche nelle città più piccole o nelle aree rurali per fare i primi test. Molto presto, con Intel, il Ministero dell’Istruzione e i rispettivi comuni, lo diffonderemo in tutto il sistema educativo delle scuole superiori.
Quando avrà inizio? Adesso con la firma del contratto è un progetto concreto ed è nella prima fase di attuazione e per questo progetto avremo il supporto, il curricula e il know-how del gruppo Intel, che l’ha già realizzato in molti paesi del mondo e si sta rivelando uno dei progetti di maggior successo. L’introduzione di nomi come Intel in Albania è una buona notizia per l’economia, per l’Albania e per la sua immagine nel mondo.
Un’ultima parola che vorreste aggiungere?

Aleksandër Sarapuli – Da diversi anni, noi come AADF, ci siamo attivati per le procedure che ci consentiranno di essere certificati come organizzazione carbon neutral. Ma questa non è la prima iniziativa. Nel piano di gestione, nel progetto per lo sviluppo del modello di gestione di Butrinto, nel suo piano industriale si prevede che molto presto questo progetto sarà carbon neutral, e visto l’andamento delle cose perché non essere carbon free che è un valore estremamente importante. Siamo uno dei pochi siti UNESCO al mondo ad avere queste certificazioni.

Intervista di Omer Saraçi per Albania Economia

About Redazione

Check Also

Giobert Albania, la chiave del successo.

Giobert fornisce chiavi, cilindri serratura e dispositivi d’apertura meccanici/elettromeccanici a marchi d’auto e moto in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *