Anamaria Meshkurti, sviluppare l’ecosistema startup, la sua missione.

Albania Economia ha incontrato AnaMaria Meshkurti, Head of Marketing, Communications and Engagement di Fondation Genevoise pour l’Innovation Technologique, la principale piattaforma di innovazione e incubatore di startup tecnologiche svizzere.In precedenza ha lavorato per le Nazioni Unite (ONU), come program officer presso l’Ufficio per l’Europa dell’Unione internazionale delle telecomunicazioni (ITU) delle Nazioni Unite, responsabile dell’inclusione digitale, delle competenze, del genere, della gioventù, dell’accessibilità e delle questioni di innovazione con i governi europei. Durante il suo periodo con il settore della standardizzazione dell’ITU, ha concettualizzato e gestito il programma ITU Smart Incubator per le start-up tecnologiche emergenti nei paesi in via di sviluppo. Ha anche condotto corsi di formazione per il programma Bridging the Standardization Gap, supportando i delegati dell’ITU nel processo di standardizzazione e ha lavorato con vari gruppi sul tema Fintech, Intelligenza Artificiale, Blockchain, Internet of Things e altro ancora. È stata determinante per la realizzazione dell’European Impact Summit 2020 come parte dell’Advisory Board della Young Presidents Organization (YPO).
È una professionista della comunicazione con un forte background in relazioni pubbliche e coinvolgimento, start-up tecnologiche, innovazione e competenze digitali.
Attualmente è Vice-Curator per il World Economic Forum (WEF) Global Shapers Geneva Hub, nonché Chapter Leader per la HULT International Business School Alumni Association di Ginevra.

Anamaria Meshkurti, dall’Albania a Ginevra. Ci racconti i passi che ti hanno portata in Svizzera?
Dopo il liceo, ho studiato Relazioni internazionali e governance globale a Londra, presso la Hult International Business School. Prima di conseguire la laurea triennale ho seguito anche un diploma di base in cinematografia. Dopo aver terminato gli studi, ho lavorato nel Regno Unito nel settore non profit, collaborando a vari progetti incentrati soprattutto sull’istruzione delle bambine nei paesi africani. Tuttavia, ho sempre voluto lavorare per le Nazioni Unite e per questo avevo in mente la Svizzera. Ho provato a entrare nell’ONU mentre ero nel Regno Unito, ma ho capito subito che dovevo essere a Ginevra per avere le maggiori possibilità di farlo. Per questo motivo ho deciso di trasferirmi a Ginevra e tentare la sorte. L’ONU è un ambiente molto competitivo, quindi sono molto felice e grata di essere riuscita a entrarre e a lavorarci per molti anni.

Hai lavorato per l’ONU. Di cosa ti occupavi precisamente?
Durante la mia permanenza alle Nazioni Unite ho lavorato in diversi settori. Ho iniziato a lavorare a un programma di alto livello per i Ministri e i regolatori, gestendo le relazioni con loro. In seguito mi sono spostata nel settore della standardizzazione, dove ho lavorato con gruppi di studio ed esperti su temi quali le politiche e le questioni normative, il 5G, l’inclusione finanziaria ecc. In seguito ho lavorato per alcuni anni nel dipartimento operativo, dove ho fondato e guidato il primo programma di incubazione per startup nei Paesi in via di sviluppo, incentrato sulla standardizzazione. Ho anche formato i delegati che partecipano alle riunioni nel settore delle telecomunicazioni e della standardizzazione tecnologica. Queste riunioni possono essere piuttosto complicate se non si ha esperienza e io li ho aiutati a capire come orientarsi meglio in queste riunioni. Nella mia ultima posizione, mi sono occupata di competenze digitali, genere, accessibilità, innovazione e giovani per i Paesi europei. Ho lavorato con i Ministri per definire le strategie nazionali per questi temi. È stato incredibilmente interessante e di grande impatto. 

Quando sei entrata in Fongit? E quali sono le tue mansioni nell’organizzazione.
Dopo aver fondato il programma di incubazione presso l’ONU, ho scoperto una nuova passione per il mondo delle startup. Per questo motivo ho deciso di lasciare l’ONU dopo oltre 8 anni di lavoro e di trasferirmi a Fongit questo Gennaio 2022. Fongit è la Fondazione di Ginevra per l’innovazione tecnologica. Siamo una fondazione privata, ma finanziata pubblicamente dallo Stato di Ginevra. Sosteniamo 100 startup tecnologiche che hanno contribuito a creare migliaia di posti di lavoro nello Stato di Ginevra. Il mio ruolo in Fongit è quello di responsabile del marketing, della comunicazione e dei partenariati. Dirigo e supervisiono tutte le nostre strategie di marketing e mi impegno in partenariati con altre entità in modo che le nostre startup possano trarre il massimo beneficio possibile e che si possa aumentare ulteriormente la consapevolezza dell’organizzazione.

Essere Head of marketing in Fongit è una grande responsabilità. Come riesci a supportare tante startup nello stesso tempo? Qual è il tuo segreto?
È importante essere molto organizzati e prendere le misure necessarie in anticipo. Cerco di pianificare l’intero anno e di essere sempre in anticipo su tutto. Cerco anche di leggere molto per essere al corrente delle ultime novità del marketing digitale, perché con le nuove tecnologie le cose si muovono molto velocemente. Bisogna anche avere un buon team e io sono molto fortunata ad avere ottimi collaboratori nel mio reparto. Inoltre, credo sempre che non si debba solo lavorare sodo e con intelligenza, ma anche avere un atteggiamento molto positivo seguito dalla passione. Amo quello che faccio e lo faccio con un atteggiamento positivo, che mi permette di consegnare il lavoro e di esserne felice.

Quali sono le qualità che deve avere un startupper entrepreneur?
Essere un imprenditore non è facile. Bisogna avere molte qualità per avere successo. Tuttavia, se dovessi identificarne alcune rispetto ad altre, direi:

1. Saper ascoltare – gli imprenditori devono ascoltare il proprio team, i clienti e gli investitori. Devono essere in grado di ascoltare attivamente tutti coloro che li circondano e di elaborare velocemente le informazioni, conservando ciò che è più importante. Senza la capacità di ascoltare ed elaborare attivamente le informazioni, non andranno nella direzione giusta. Il feedback di tutti questi gruppi di stakeholder è importante per l’imprenditore. Non ascoltare nessuno non vi porterà lontano. 

2. Agire – Gli imprenditori devono essere in grado di agire e prendere decisioni difficili. Non è bene rimanere in un limbo, sempre a pensare o a fare ricerche o a rimandare le decisioni che devono essere prese. A volte si tratta di decisioni difficili, ma che devono essere prese. 

3. Essere resilienti – Essere un imprenditore è un lavoro che va avanti 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Non è possibile prendersi delle pause e bisogna lavorare più duramente di tutti quelli che ci circondano. La resilienza è molto importante e non bisogna arrendersi anche nei momenti difficili. Soprattutto perché spesso il fondatore è la persona che porta avanti il team. 

Direi che questi tre elementi sono alcuni dei must have.

Una start up di successo che più ti ha resa orgogliosa..
Naturalmente tutte le nostre startup ci rendono orgogliosi. Non importa quanto siano grandi o piccole, stanno tutte progredendo in modo incredibile, dando un contributo alla società, incidendo positivamente sull’economia e creando i posti di lavoro del futuro. È bellissimo vedere queste aziende crescere ogni giorno. Devo dire che è un grande onore poter lavorare in un ambiente del genere con persone incredibili, appassionate e motivate. Mi spinge a spingermi sempre più in là nella vita per essere migliore e avere un impatto positivo sull’ambiente che mi circonda.

Il tuo legame con l’Albania è sempre vivo? Il tuo background sarebbe molto utile a far crescere l’ecosistema startup albanese…hai progetti in tal senso?
Naturalmente sono albanese e amo il paese. Torno sempre in Albania almeno una volta all’anno. Sono in contatto con alcune persone incredibili che stanno cercando di far crescere ulteriormente l’ecosistema e abbiamo sempre discusso in questo senso. Perché non avviare un programma di incubazione per le startup tecnologiche sul modello di Fongit? È una cosa che mi piacerebbe fare in futuro.

About Redazione

Check Also

ERNESTO SIROLLI, ALL”HUMANISTIC ENTERPRISE IMPACT DI TIRANA

Il 27 Aprile 2022, presso l’Hotel Plaza di Tirana si terrà un seminario organizzato dalla …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *